28 Giugno 2022 16:17


La ricerca da parte della Smithsonian Institution di siti per realizzare due musei tanto attesi a Washington, DC, il National Museum of the American Latino e lo Smithsonian American Women’s History Museum, è stata ristretta a quattro potenziali località, rispetto alle 14 che aveva identificato come siti di “livello uno” nel marzo di quest’anno.

Le quattro località includono il “sito del Campidoglio nord-ovest”, un lotto non sviluppato situato a nord della piscina riflettente del Campidoglio; il “sito South Monument”, un appezzamento di terreno non edificato dall’altra parte del National Mall rispetto all’ultimo museo completato dallo Smithsonian, il National Museum of African American History and Culture; il “sito Tidal Basin”, un altro pezzo di terreno non edificato supervisionato dal National Park Service; e lo Smithsonian’s Arts and Industries Building, che è stato utilizzato più recentemente per ospitare temporaneamente la mostra Futures incentrata sulla tecnologia.

La ricerca di siti appropriati per i musei segue una campagna decennale per la loro costruzione, approvata dal Congresso nel dicembre 2020. La legislazione richiede che lo Smithsonian selezioni le due sedi finali entro dicembre 2022, decisione che sarà rivista in collaborazione con Baltimora studio di architettura e ingegneria con sede Ayers Saint Gross.

Il processo di selezione del sito stesso è stato complicato principalmente a causa del prestigio conferito alla vicinanza di ciascun museo al National Mall e alla scarsità di superficie lungo l’ambita passeggiata di due miglia dal Lincoln Memorial al Campidoglio degli Stati Uniti.

“La scelta di un sito è una delle decisioni più importanti per un museo”, ha affermato in una nota il segretario dello Smithsonian Lonnie Bunch. “È importante che i passi che intraprendiamo garantiscano un processo trasparente, inclusivo e completo”.

I comitati consultivi per entrambi i musei stanno basando i criteri del sito sull’importanza della posizione sul National Mall; vicinanza al National Mall e ad altri musei Smithsonian; la conservazione dei principali punti di vista; significato per i gruppi costituenti; costo di preparazione del sito; condizioni del sito esistente; potenziale di acquisizione; e il potenziale di “espressione architettonica”.

I musei saranno realizzati con un’equa ripartizione dei fondi forniti dal governo federale e da fonti private. Le proiezioni relative al budget non sono state divulgate, ma si prevede che supereranno i 540 milioni di dollari destinati al Museo nazionale di storia e cultura afroamericana, un’altra istituzione tanto attesa che è stata aperta nel 2016, più di un decennio dopo l’approvazione del Congresso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.