28 Giugno 2022 16:16


Un vasto luogo di sepoltura anglosassone contenente 138 tombe è stato portato alla luce dagli archeologi che lavorano sulla linea ferroviaria di fondo HS2 in costruzione nel Regno Unito. Il sito, vicino a Wendover nel Buckinghamshire, contiene i resti di oltre 140 persone, alcune delle quali furono sepolte con gioielli, coltelli e un kit personale per la toelettatura. “È uno dei siti post-romani migliori e più rivelatori del paese”, afferma lo storico Dan Snow.

“Il sito conteneva 141 sepolture per inumazione e cinque sepolture per cremazione; [this is] uno dei più grandi cimiteri anglosassoni mai scoperti in Gran Bretagna”, secondo una dichiarazione sul sito web di HS2. “È piuttosto raro trovare un cimitero anglosassone”, afferma Rachel Wood, l’archeologa capo di Fusion JV, l’azienda che ha svolto il lavoro sul campo.

Aggiunge: “Quasi tutte le persone sono state sepolte con spille e sono decorate in modo fantastico. Abbiamo anche avuto spade, punte di lancia, ceramiche decorate, molti oggetti unici. È certamente una scoperta irripetibile per un archeologo. Ci sono uomini, donne e bambini, e ce ne sono molti, la cosa più interessante per me è che sono così vicini alla fine del periodo romano. Il quinto e il sesto secolo non sono quelli di cui sappiamo molto”.

Lo scavo ha finora prodotto 2.000 perline, 89 spille e 40 fibbie insieme a articoli per la cura personale come levacerume e pinzette. “Molte delle sepolture sono state trovate con due spille sulla clavicola, a indicare che avrebbero tenuto in mano indumenti come un mantello o un peplo, un lungo indumento indossato dalle donne con spille sulle spalle”, aggiunge la dichiarazione di HS2.

Il progetto HS2 ha prodotto numerosi reperti archeologici da quando sono iniziati i lavori sulla nuova arteria di trasporto nel 2020. A gennaio è stato trovato un vasto insediamento commerciale romano in un sito nel Northamptonshire meridionale. Secondo la BBCil villaggio dell’età del ferro scoperto era costituito da 30 case circolari, fondate intorno al 400 aC, che si svilupparono in una città commerciale romana.

“Prima di costruire ponti, tunnel, binari e stazioni, il più grande programma di archeologia mai intrapreso nel Regno Unito si sta svolgendo lungo la linea del percorso”, secondo una dichiarazione sul sito Web HS2, che fornisce dettagli su altri siti antichi scoperti lungo il Percorso di 170 miglia tra Londra e il nord-ovest. Tuttavia, il progetto ha dovuto affrontare l’opposizione di gruppi di pressione come Stop HS2 che affermano che i lavori sul percorso stanno danneggiando aree di bellezza naturale.

Archeologia

L’intricato mosaico romano è il più grande che si trovi a Londra in mezzo secolo

José da Silva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.