29 Giugno 2022 18:39


Un’importante nuova scultura all’aperto di Sanford Biggers è stata commissionata dall’Orange County Museum of Art (OCMA) a Costa Mesa, in California, per la sua riapertura l’8 ottobre. Di molte acque… (2022), una scultura figurativa larga 24 piedi e alta 16 piedi, sarà collocata in una posizione prominente sulla terrazza delle sculture del museo.

Facendo riferimento alle tradizioni artistiche occidentali e non, l’opera raffigura una figura nera distesa, il cui braccio destro regge una cornucopia, un tradizionale simbolo di abbondanza. La testa ovale della figura è composta da due teste sovrapposte, realizzate con paillettes di metallo. Si ispira alle maschere ottocentesche delle comunità Baule della Costa d’Avorio, un’immagine che può celebrare opposti complementari o gemelli, un segno di buona fortuna. Per l’artista “combina il mio interesse per la scultura classica e la realizzazione di trapunte americane”.

Il direttore del museo Heidi Zuckerman, che ha incontrato Biggers all’inizio della sua carriera e gli ha regalato la sua prima mostra museale, Psychic Windows al Berkeley Art Museum e al Pacific Film Archive nel 2002, non potrebbe essere più soddisfatto. Aveva letto di lui su una rivista e lo aveva chiamato per una visita in studio quando sarebbe stata a New York.

“Sono andata a fargli visita al World Trade Center alla fine dell’estate del 2001: c’era un programma in cui davano piani vuoti agli artisti”, dice. “Quella è stata la prima volta nella mia carriera che ho incontrato un artista e ho subito offerto una mostra personale. Sono stato così sopraffatto da ciò che ho visto, dall’unicità della sua visione, dalla ferocia del suo intellettualismo e dalla sua comprensione di ciò che stava comunicando con il suo lavoro”.

Nel corso degli anni i due sono rimasti in contatto e l’anno scorso Zuckerman ha visto The Oracle (2021), la monumentale scultura in bronzo fuso di Biggers al Rockefeller Center di New York. Combinava una figura seduta simile a Zeus con una maschera in stile africano. “Ho adorato questa figura enorme che funge da guida per gli 8 milioni di persone che vivono a New York e i visitatori, questa idea dell’arte come punto di riferimento per ciò che potremmo sperare di sapere o per prendere decisioni su come andare avanti”.

Il suo primo pensiero è stato quello di portare la scultura nel suo museo. Biggers ha suggerito di fare qualcosa di nuovo. Zuckerman lo ha invitato a Costa Mesa per una visita in loco e hanno discusso di come lei volesse che aiutasse a inaugurare il museo.

“Se c’è una dichiarazione in questo pezzo”, dice, “è per dire che il museo è un luogo dove tutti sono benvenuti, che siamo un luogo di apertura”. Aggiunge che il museo offrirà l’ingresso gratuito per almeno i primi dieci anni dopo la riapertura.

La scultura Biggers è stata fabbricata nel sud della California e sarà installata in tempo per la riapertura di ottobre, contribuendo a inaugurare un’espansione e una ristrutturazione da 93 milioni di dollari progettata dallo studio di architettura Morphosis. La monumentale scultura rimarrà in mostra fino al 5 febbraio 2023. Il museo riaprirà con diverse mostre, tra cui il ritorno della Biennale della California e 13 Women, con opere della collezione OCMA curata da Zuckerman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.