19 Settembre 2022 16:30


Molti hanno descritto il suo volto come “scolpito dagli dei”, ma pochi avrebbero definito l’attore Brad Pitt uno scultore, fino ad ora. La star di Hollywood A-list ha debuttato pubblicamente le sue prime opere d’arte al Sara Hildén Art Museum di Tampere, in Finlandia, insieme alle opere del musicista Nick Cave e dell’artista Thomas Houseago per la mostra We (fino al 15 gennaio).

Tra le nove opere di Pitt in mostra ci sono una struttura a forma di casa modellata in silicone trasparente e colpita da proiettili, e la sua prima scultura in assoluto, House A Go Go (2017): una casa in miniatura alta 46 cm fatta di corteccia d’albero, rozzamente tenuti insieme con nastro adesivo.

I pezzi più grandi includono una scatola di bronzo delle dimensioni di una bara raffigurante mani, piedi e volti che tentano di sfondare la struttura da varie angolazioni e la scultura appesa a parete in gesso Aiming At You I Saw Me But It Was Too Late This Time (2020), che raffigura uno scontro a fuoco tra otto figure.

Secondo quanto riferito, la star di Oceans 11 ha iniziato a realizzare opere d’arte in ceramica dopo il suo turbolento divorzio dall’attrice Angelina Jolie nel 2017. Secondo The Sunl’attore ora ha uno studio di scultura nella sua casa di Los Angeles e ha invitato Leonardo DiCaprio durante la realizzazione di C’era una volta a Hollywood per “legarsi al loro comune amore per la ceramica”.

Parlando all’inaugurazione della mostra, Pitt ha detto della sua svolta artistica: “Per me si tratta di riflessione su se stessi… È nata dalla proprietà di quello che chiamo un ‘inventario radicale del sé’. E diventando davvero brutalmente onesto con me e tenendo conto di coloro che potrei aver ferito e dei momenti in cui ho appena sbagliato”.

Intanto al debutto artistico anche il cantautore australiano Nick Cave (da non confondere con l’omonimo artista visivo e performativo americano): mostra in 17 stazioni “figurine in ceramica smaltata raffiguranti la vita del Diavolo, da l’innocenza attraverso l’esperienza nel confronto con la nostra mortalità”, secondo un comunicato stampa. The Devil: A Life è il primo grande lavoro visivo di Cave. Comprende 17 singoli pezzi di altezza compresa tra 15 cm e 50 cm, ciascuno realizzato a mano, dipinto e smaltato da Cave in Inghilterra, tra il 2020 e il 2022. Esteticamente la serie strizza l’occhio all’interesse dell’artista per le figurine vittoriane dello Staffordshire Flatback, di cui è un collezionista .

Entrambi gli scultori alle prime armi hanno creato queste opere in dialogo con il notevolmente più esperto Houseago. L’artista britannico ha praticato per quasi tre decenni e ha mostrato lavori alla Whitney Biennial nel 2010. A Tampere, Houseago, che è meglio conosciuto come scultore, mostra una serie di dipinti, un mezzo con cui ha iniziato a sperimentare negli ultimi anni. Provengono dalla sua serie Visions su larga scala, realizzata all’aperto e ispirata dai simbolisti europei, tra cui il norvegese Edvard Munch. Espone anche nuove sculture in legno di sequoia e gesso che ha realizzato in risposta a opere della collezione della Fondazione Sara Hildén, come la scultura Donna su carro di Alberto Giacometti (1943/62).

Parlando della sua decisione di mettere in scena uno spettacolo collaborativo tra lui, Cave e Pitt, Houseago afferma in una dichiarazione: “Io non sono un io. Sono un WE!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.