28 Giugno 2022 16:14


Un pennello con…

In questo podcast, basato sulla regolare serie di interviste di The Art Newspaper, il nostro ospite Ben Luke parla in modo approfondito con gli artisti. Ti fa le domande che hai sempre voluto: chi sono gli artisti, storici e contemporanei, che ammirano di più? Quali sono i musei in cui tornano? Quali sono i libri, la musica e gli altri media che più li ispirano? E a cosa serve l’arte, comunque?

Nell’episodio finale di questa serie di A brush with…, Ben Luke parla con Megan Rooney delle sue più grandi influenze, inclusi altri artisti, scrittori e musicisti, e delle esperienze culturali che hanno plasmato la sua vita e il suo lavoro.

Rooney è nato nel 1985 in Sud Africa, ma è cresciuto in Brasile e poi in Canada, prima di studiare a Londra. Si occupa di performance, scultura e pittura e di recente ha guadagnato particolare attenzione per i vasti murales che ha realizzato in diversi musei internazionali.

Tra le altre cose, discute l’esperienza trasformativa di vedere Henry Moore alla National Gallery of Ontario; un momento che cambia la vita vedendo opere realizzate sui muri da donne detenute nelle Carceri dell’Inquisizione, Palermo, Sicilia; e sulla scrittura di Maxine Kumin e Haruki Murakami.

Inoltre, Rooney risponde alle nostre domande abituali, comprese quelle sulle foto sul muro del suo studio, i suoi rituali di lavoro quotidiani e le opere d’arte con cui sceglierebbe di vivere, oltre a quella definitiva: a cosa serve l’arte?

• Fughe a colori, Fondation Louis Vuitton, Parigi, fino al 29 agosto; Saturazione, Thaddaeus Ropac, Pantin, Parigi, fino al 24 settembre; Rooney terrà una mostra personale a Thaddaeus Ropac, Parigi, all’inizio del 2023.

• La prossima serie di A spazzola con…, andrà in onda dal 3 al 24 agosto, con episodi in uscita il mercoledì. Puoi scaricare e iscriverti al podcast qui. Questo podcast è sponsorizzato da Bloomberg Connects.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.