28 Giugno 2022 15:29


Due gallerie che si sono fatte le ossa a Deptford, a sud-est di Londra, si stanno trasferendo in locali più grandi nel centro della capitale del Regno Unito.

Castor e Indigo+Madder stanno rilevando congiuntamente uno spazio di 2.200 piedi quadrati al piano seminterrato a Fitzrovia, gestendo programmi espositivi separati ma condividendo una reception, un ufficio, una sala di osservazione e altre strutture, un modello visto più frequentemente a New York.

Il nuovo spazio si apre il 1° settembre con una mostra collettiva in entrambe le gallerie dal titolo appropriato, There Goes the Neighborhood, che esamina le idee di comunità, urbanità e cosa significa essere emarginati.

Descrivendo la nuova sede come una “mini mega galleria”, il fondatore di Castor, Andy Wicks, osserva come sia un “momento davvero emozionante” per trasferirsi a Fitzrovia, con gallerie tra cui Workplace, Vitrine, Lungley e Alice Black che hanno recentemente aperto vicino al nuovo spazio di Edel Assanti .

Aggiunge: “È fantastico vedere sempre più giovani gallerie occuparsi degli spazi del centro di Londra, che ai tempi della mega galleria non può che essere una cosa positiva”.

Wicks ha fondato Castor nel 2016, inizialmente affittando gratuitamente un piccolo seminterrato in un caffè vicino a Goldsmiths a New Cross. Dopo aver programmato 12 mostre personali in 12 mesi, Wicks si è trasferito a Resolution Way a Deptford insieme a una miriade di altre attività creative e spazi di progetto. Nel 2018, dopo aver ampliato due volte l’impronta della galleria, ha trasformato lo spazio del progetto in una galleria commerciale e attualmente rappresenta sette artisti.

Della decisione di trasferirsi con Indigo+Madder, Wicks dice di aver notato come, a New York, le gallerie “erano più abituate a collaborare con artisti del calibro di Shrine e Sargents Daughters unendo le forze”. Aggiunge: “Quando ho iniziato a cercare un nuovo spazio, ero ansioso di trovarne uno che ci permettesse di continuare ed espandere questa offerta congiunta, senza compromettere lo spazio”.

Indigo+Madder, che è stato istituito per facilitare conversazioni più sfumate sull’Asia meridionale e la sua diaspora e ha una storia di sostenitori degli artisti di colore, è iniziato nel 2018 con uno spettacolo pop-up a Londra. La galleria si è trasferita a Resolution Way nel 2019. Come afferma la direttrice della galleria Krittika Sharma: “Quando abbiamo iniziato a cercare uno spazio permanente nel 2018, volevamo qualcosa che fosse incorporato nella scena artistica emergente di Londra e facesse parte del gruppo multidisciplinare di gli spazi a Deptford sono stati incredibili.

Aggiunge: “Il fatto che possiamo espanderci e andare avanti con Castor, esplorando un modello che è sia innovativo che collaborativo è entusiasmante. Ora non vediamo l’ora di portare queste energie collaborative su una scala più ampia nel centro di Londra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.