28 Giugno 2022 16:11


HMRC, l’agenzia delle entrate e delle dogane del Regno Unito, ha iniziato a infliggere multe ai partecipanti al mercato dell’arte (quelli che gestiscono transazioni di importo pari o superiore a 10.000 euro) che non si sono registrati ai sensi delle nuove normative antiriciclaggio, entro la scadenza di giugno 2021.

L’elenco delle società e delle persone che riceveranno multe non sarà disponibile al pubblico (tramite il sito web del governo) fino alla fine dell’anno, ma uno di questi avvisi di sanzione visto da The Art Newspaper chiarisce che il “trading mentre non è registrato” è stato ora perseguito come una violazione dei regolamenti.

Oltre a svolgere una maggiore due diligence, ai partecipanti al mercato dell’arte è stato richiesto di registrare la propria attività presso il governo. Le sanzioni per ritardata o mancata registrazione avrebbero dovuto iniziare a essere emesse a partire dal nuovo esercizio finanziario, il 6 aprile.

I dati di registrazione solo tra gennaio e aprile di quest’anno mostrano più di 50 registrazioni, suggerendo che una parte decente del settore si sta ancora iscrivendo, anche se vale la pena notare che alcune registrazioni potrebbero non essere visualizzate immediatamente, poiché le informazioni vengono elaborate da HMRC, che può impiegare circa 45 giorni.

“Questo sarà un campanello d’allarme sulla serietà della registrazione e della conformità allo stesso modo”, afferma Susan Mumford, amministratore delegato di Artaml, una piattaforma che lavora per sviluppare strumenti antiriciclaggio per il mercato. “Mentre molte aziende non si sono ancora registrate o non hanno messo in atto procedure di piena conformità, prevediamo che questo inizierà a cambiare”.

Qualora siano state emesse sanzioni, l’iscrizione volontaria sarà presa in considerazione con l’eventuale sanzione successiva. Fonti e feedback aneddotici suggeriscono che la mancanza di consapevolezza da parte dei partecipanti al mercato dell’arte continua a essere la spiegazione chiave della mancanza di registrazione.

Lunga serie di sfide

“Per quanto riguarda l’impatto sulle aziende, siamo all’inizio”, afferma Rebecca Davison-Mora, community manager per la piattaforma di due diligence del mercato dell’arte, Arcarta. “Tuttavia, queste multe fanno parte di una lunga serie di sfide che le gallerie hanno dovuto affrontare negli ultimi due anni e che potrebbero influire sulla loro capacità di partecipare a eventi chiave, come le fiere d’arte, e incidere in modo significativo sulle loro spese generali. Con questo in mente, abbiamo deciso di offrire valutazioni gratuite di 45 minuti alle gallerie per verificare che siano sulla buona strada, poiché è stato chiarito che molte sono mal equipaggiate per ciò che si sta dirigendo verso di loro”.

Sebbene l’HMRC non sia stato in grado di confermare il volume o l’entità delle multe emesse fino ad oggi (le singole multe potrebbero raggiungere £ 5.000 per trimestre che un partecipante non è riuscito a registrare, con un limite di £ 100.000), un portavoce afferma: “Le normative sul riciclaggio di denaro sono in atto per impedire ai criminali di godere dei proventi del crimine e per contribuire a rendere il Regno Unito un luogo libero da riciclaggio di denaro/finanziamento del terrorismo, traffico di esseri umani, droga, prostituzione e altra criminalità organizzata”.

E, come osserva Mumford: “Solo il tempo lo dirà” se questo giro di sanzioni sarà seguito da procedimenti penali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.